14 luglio 2024
Testo
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Che l'On.le Di Pietro chiarisca

E-mail Print PDF
Di Pietro s'incorona Re della casta
Fonte:www.ilgiornale.it
Antonio Di Pietro è sempre più organico alla casta che dice di combattere: dopo aver candidato l'inquisito De Magistris, dopo non aver eccepito a che il suo figlio mantenesse lo stipendio di consigliere provinciale benché inquisito, dopo aver cooptato mezza famiglia in politica, dopo essersi intestato la ricezione di tutto il finanziamento pubblico del partito, dopo tutto questo, ecco la nemesi definitiva a 17 anni da Mani pulite : l'ex pm, è notizia di ieri, si trincera dietro l'immunità parlamentare per non essere condannato in una causa per diffamazione che l'avrebbe sicuramente visto perdente.



Il Parlamento europeo, con 654 sì e 11 no e 13 astenuti, ha deciso di non revocare l'immunità che Di Pietro stesso aveva chiesto dopo averlo pubblicamente negato. E non si tratta neppure di un procedimento penale, ma di una causa civile: significa che Di Pietro l'ha fatto solo per non perdere soldi, proprio come i mostri della casta.
Ricostruiamo la faccenda, perché Di Pietro è nei particolari. Nell'ottobre 2002 l'italiano dei valori scrive un articolo sul quotidiano «Rinascita della sinistra», organo dei comunisti italiani: alle battaglie contro le sovvenzioni ai giornali di partito, quelle fatte con Beppe Grillo, mancano ancora sei anni. Di Pietro scrive una serie di sciocchezze more solito e in particolare indica il giudice Filippo Verde come uno degli imputati del processo per il Lodo Mondadori, dipingendolo oltretutto come uno dei giudici che avrebbe influenzato l'annullamento della sentenza favorevole a Carlo De Benedetti. Si leggeva: «Per l'insieme di queste vicende, la pubblica accusa rappresentata dalla tenace Ilda Boccassini ha chiesto pene di tutto rispetto, tra cui 10 anni per il giudice Filippo Verde». Che erano balle, appunto: Filippo Verde non è mai stato coinvolto nel processo Lodo Mondadori: è stato solamente imputato nel processo Imi-Sir e peraltro è stato assolto in primo grado e anche in Appello.
Ma Di Pietro della castroneria neppure si accorge: anzi, nel febbraio 2003 ripubblica lo stesso articolo sul sito internet dell'Italia dei valori. Ed è lì che parte la causa per diffamazione con richiesta di risarcimento, visto che Di Pietro non aveva smentito né rettificato (bensì addirittura reiterato, per usare il suo linguaggio) la falsità del caso. Ergo, i legali di Verde gli chiedono 150mila euro di risarcimento.
Un anno e mezzo più tardi, dopo che la pratica inspiegabilmente si è congelata per un anno e mezzo nella cancelleria del Tribunale di Roma, Di Pietro si costituisce ufficialmente, e presenta la richiesta di immunità: l'avvocato Sergio Scicchitano, legale di Di Pietro nonché deputato dell'Italia dei valori, mette per iscritto che «L'articolo deve intendersi quale espressione di critica politica e dunque si richiede che nel caso di specie venga applicato l'articolo 68 della Costituzione». Cioè: dire che un giudice ha influenzato illecitamente una sentenza, e che per lui hanno chiesto dieci anni di carcere, è una critica politica. Di fronte all'arditezza giuridica il giudice di Roma inoltra la pratica all'apposita commissione di Bruxelles: decide che sarà il Parlamento europeo a decidere se Di Pietro dovrà presentarsi di fronte al giudice come un cittadino qualsiasi. Passa il tempo sinché Paolo Bracalini del Giornale, i primi di febbraio scorso, rivela che Di Pietro ha chiesto l'immunità a fronte della causa intentatagli dal suo ex collega.

Notare che l'ex pm intanto sta girando le piazze italiane per raccogliere firme contro il Lodo Alfano, che definisce «vergognoso» per le immunità che garantisce alle più alte cariche dello Stato. È lo stesso Di Pietro, nota Bracalini, che «quando vuole querelare qualche politico non manca mai di aggiungere: "Mi auguro che, come me, rinunci all'immunità e accetti il giudizio del giudice terzo". Per poi scoprire che lui è il primo a chiederla». Ma l'uomo più ipocrita del mondo non demorde, e il 6 febbraio scorso spara pubblicamente una falsità delle sue: «Con riferimento alle notizie di stampa che ipotizzano ciò che io andrei a sostenere al Parlamento europeo la prossima settimana, specifico che non chiederò l'immunità, ma che il procedimento civile prosegua. (...) Tale rinuncia all'immunità verrà da me formulata in un atto scritto che pubblicherò sul mio blog, in modo da evitare qualsiasi strumentalizzazione». Come no. S'è visto. La formula con cui Di Pietro si trincerava dietro l'immunità, intanto, continuava a essere perorata in tutti gli scritti difensivi nonché nelle memorie di replica e anche nelle cosiddette comparse conclusionali. Zitto zitto. Di Pietro Di Pietro. E ieri il voto: welcome to the Casta.

Infine: per distrarre il volgo da questa modesta vergogna, per difendersi cioè attaccando come suo solito, proprio ieri Di Pietro si è messo a inveire contro Silvio Berlusconi: «Si avvale del Lodo Alfano anche per sfuggire alla mia querela per diffamazione. Aveva detto di avere a disposizione delle carte che provavano il fatto che la mia laurea non fosse valida. È vergognoso usare il Lodo Alfano anche per difendersi dall'accusa di diffamazione». Già. Molto meglio l'immunità parlamentare. Quella europea. Magari: sperando che nessuno se ne accorga.

DAL SITO: http://www.generazionev.blogspot.com, si riporta:

Onorevole, ci rivolgiamo direttamente a lei perché ultimamente alcune scelte sue e dell'Italia dei Valori ci hanno lasciato un po' perplessi. Premesso che è da tempo che sosteniamo le sue battaglie, basta vedere il sondaggio in merito al voto europeo per capire che i nostri lettori voteranno per lei.
Ma noi siamo elettori esigenti. Siamo elettori informati. E sono informati i nostri lettori.
Ciò detto le poniamo queste domande, sperando di poter avere una risposta, che saremmo lieti di pubblicare nel nostro piccolo blog.
1) E' vero che avete approvato in commissione l'acquisto di 131 caccia nucleari F35 per una spesa di 15 miliardi di euro?
Sono aerei da aggressione, che servono per sbaragliare le difese nemiche. Lei conosce bene quello che dice la nostra Costituzione nei confronti della guerra di aggressione, visto pure che, con il nostro plauso, IdV ha votato contro quella parte del Trattato di Lisbona in cui si legittima la guerra di aggressione (o preventiva, ma è la stessa cosa).
2) Perché si è candidato come capolista alle europee?
Questa mossa sinceramente non trova spiegazioni. Un solo motivo per non farlo? E' quello che ha fatto Berlusconi. Tra tutte le liste che sono state presentate quella di IdV è di gran lunga la più seria. Consideriamo un onore immenso avere la possibilità di votare una persona della caratura di Luigi De Magistris. Non bastavano questi elementi per avere la certezza di un buon risultato alle urne? Non è un piccolo inganno ai suoi elettori?
3) Perché si è avvalso dell'immunità del Parlamento Europeo?
Lei ci ha dato sempre prova della sua onestà, e capiamo che la denuncia civile a cui deve far fronte è pretestuosa, visto che lei ha già riconosciuto il suo errore, e si vuole come al solito intimidirla. Ma proprio per questo perché avvalersi dell'immunità? Se pure dovesse perdere dovrebbe giusto rinunciare a un po' di soldi, ma non alla stima di chi la segue.
4) A quando un congresso vero e proprio e la rimozione del suo cognome dal simbolo?
Siamo convinti che per fare il definitivo salto di qualità IdV dovrebbe emanciparsi dal suo nome. Siamo convinti di riflettere l'idea di molti suoi elettori dicendo che vogliamo un'Italia dei Valori CON Di Pietro, non DI Di Pietro.
Un cordiale saluto, lo staff di Generazione V.

Di Pietro risponda alle accuse di Franceschini sulla sua candidatura alle Europee

Fonte:TrarcomaviglioBIS

NOSTRO COMMENTO: Egregio On.le Di Pietro, sappiamo che il suo Staff legge i Nostri Blogg's. Ci aspettiamo delle risposte ben precise sulle accuse sopra formulate dal Giornale e da Blogger vari. Noi abbiamo sempre sostenuto Lei, On.le Di Pietro, e condiviso la politica dello IDV. Lo si può vedere cliccando sui Nostri siti: www.libertadiopinione.it, www.calabriafotoweb.it e www.spacepress.wordpress.com I Nostri lettori ed invero, anche, Noi stessi, Le chiediamo delle delucidazioni in ordine ai fatti sopra riportati. Non vorremmo sentirci ripetere sempre che l'On.le Di Pietro: "Predica bene e razzola male." Crediamo sia giusto nei confronti degli elettori fare chiarezza su questi punti oggetto di critica. Chiaramente, nel caso di silenzio in ordine a quanto richiesto, ci regoleremo di conseguenza.
Hits: 2556
Trackback(0)
Commenti (0)add comment

Scrivi commento
più piccolo | più grande

security image
Scrivi i caratteri mostrati


busy
 

Commenti

Sulle valutazioni pr
Complimenti per l'ottimo articolo ricco di riferimenti normativi e di sentenze e
La applicabilità del
E' consentito estrarre copia o stampare i documenti pubblicati su Filodiritto ci
Festa della Repubbli
Si precisa che questo articolo e' tratto da Wikipedia (l'autore dello inseri
Festa della Repubbli
Dimenticavo di scrivere : Questo articolo è tratto da Wikipedia (L'autore dello
Festa della Repubbli
Questo articolo è tratto da Wikipedia (L'Autore dello inserimento)

Prove di ballo Standard classe "A2" Fernando & Vittoria

I miei Blog

spacepress

Segui Spacepress: video e approfondimenti su politica, cronaca e attualità.

Guarda i miei nuovi siti:

libereriflessioni

Dentro la fotografia  -  Clicca Qui

dimensioni sconosciute Clicca Qui

dominio globale -  Clicca Qui

Profilo facebook di Fernando Cannizzaro

pagina twitter di Fernando Cannizzaro

YouTube

Statistiche

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi840
mod_vvisit_counterIeri517
mod_vvisit_counterQuesta settimana840
mod_vvisit_counterQuesto mese9532
mod_vvisit_counterTotale4450039

Online: 19
IP: 3.236.112.70

Puhjai Beautiful 19 Yo Indian Teen Deshi Bangla Mahmudul Hasan College Park Transsexual Park Shows Off School Teacher 11 Pervert Voyeursex Spy Camera Getting Fucked By Ripped Bi Stud Mom And Daughter Incezt

Usiamo Cookie propri e di terze parti per garantire una corretta navigazione del sito web. Se continui a navigare accetti il loro utilizzo. Per maggiori informazioni: privacy policy.

Accetto i cookie di questo sito.

EU Cookie Directive Module Information