18 novembre 2019
Testo
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Crack Parmalat: assolte le banche straniere

E-mail Print PDF

Crack Parmalat, assolte le 4 banche straniere

Fonte:http://www.italiadeivalori.it/processi/3935-crack-parmalat-assolte-le-4-banche-straniere

Sono state tutte assolte le quattro banche straniere - Bank of America, Citibank, Morgan Stanley e Deutsche Bank – imputate per la legge 231 in relazione al reato di aggiotaggio per il crack della Parmalat. Il tribunale ha assolto con le

formule “per non aver commesso il fatto” e “perché il fatto non sussiste” i dirigenti Paolo Botta (Citibank), Giaime Cardi (Credit Suisse), Marco Pracca e Tommaso Zibordi (Deutsche Bank) e Paolo Basso e Carlo Pagliani (Morgan Stanley). Piena assoluzione, dunque, per Bank of America, Citibank, Morgan Stanley e Deutsche Bank.

Una doccia fredda per la pubblica accusa che, con i pm Eugenio Fusco e Carlo Nocerino, aveva chiesto di confiscare ai quatto istituti di credito 120 milioni di euro complessivi, più il pagamento di 900mila euro ciascuno a titolo di risarcimento. Quanto ai funzionari e dirigenti delle banche accusati di aggiotaggio informativo, per loro i pm milanesi avevano chiesto pene comprese tra un anno e un anno e quattro mesi di reclusione, tranne che per Giaime Cardi per la quale era stato chiesto il non doversi procedere per prescrizione.

Il verdetto di oggi è soprattutto un duro colpo per i 40 mila risparmiatori truffati dall’acquisto di bond Parmalat che, nella speranza di ottenere un risarcimento, si erano costituiti parte civile. Dura, infatti, la condanna da parte delle associazioni che difendono i consumatori. “È una vergogna: i magistrati italiani scendono in campo contro processi brevi e prescrizioni, portando in esempio proprio casi come Parmalat, ma appena possono assolvono le banche che hanno venduto carta straccia, dando così torto ai cittadini”, chiosa il presidente del Codacons, Carlo Rienzi, mentre per il segretario generale di Adiconsum, Pietro Giordano, si tratta di una “scandalosa sentenza che ha assolto banche e dirigenti bancari”.

Sebbene la pronuncia dei giudici di Milano “non convince” Elio Lannutti, presidente di Adusbef (Associazione difesa consumatori ed utenti bancari, finanziari ed assicurativi) e senatore dell’Italia dei Valori, va comunque rispettata. “Il timore – aggiunge Lannutti - è di trovarsi ancora una volta, di fronte a giudizi condizionati dalla forza contrattuale dei bankster, che trovano in Italia il Pese di Bengodi, dove banchieri e bancarottieri non pagano mai il conto”.

Anche Antonio Borghesi, vice capogruppo dell'Italia dei valori alla Camera, sottolinea che è necessario rispettare le decisioni della magistratura ma aggiunge: “Non possiamo, tuttavia, non osservare che, per effetto di questa sentenza, emerge ancora di più la responsabilità di Tanzi e degli ex amministratori dell'azienda. È importante ricordare che 40 mila risparmiatori sono stati truffati. Attendiamo comunque - aggiunge Borghesi - un eventuale giudizio d'appello, nel caso in cui il pubblico ministero deciderà di fare ricorso”.

Intanto, è stata fissata per il 2 maggio prossimo la discussione e la sentenza in Cassazione nei confronti di Calisto Tanzi, l’ex patron di Collecchio condannato in primo e secondo grado a 10 anni per aggiotaggio. Se la Suprema Corte dovesse confermare il verdetto, ironia della sorte, l'ex proprietario della Parmalat verrebbe condannato in via definitiva poco prima dello scadere termini di prescrizione.

Guarda anche questo video

Crac Parmalat - Assolte le banche straniere - Cadoinpiedi.it

Fonte:blogviglioscendere

 

 

NOSTRO COMMENTO: Rinfreschiamo ai Noi stessi la nozione del reato di “Aggiotaggio” per avere un quadro più definito di tale reato.

L'Aggiotaggio è un REATO disciplinato dal CODICE PENALE, che all'articolo 501, intitolato "Rialzo e ribasso fraudolento di prezzi sul pubblico mercato o nelle borse di commercio", testualmente recita:

«Chiunque, al fine di turbare il mercato interno dei valori o delle merci, pubblica o altrimenti divulga notizie false, esagerate o tendenziose o adopera altri artifizi atti a cagionare un aumento o una diminuzione del prezzo delle merci, ovvero dei valori ammessi nelle liste di borsa o negoziabili nel pubblico mercato, è punito con la reclusione fino a tre anni e con la multa da euro 516 a 25.822

Se l'aumento o la diminuzione del prezzo delle merci o dei valori si verifica, le pene sono aumentate.

Le pene sono raddoppiate:

1. se il fatto è commesso dal cittadino per favorire interessi stranieri;

2. se dal fatto deriva un deprezzamento della valuta nazionale o dei titoli dello Stato, ovvero il rincaro di merci di comune o largo consumo.

Le pene stabilite nelle disposizioni precedenti si applicano anche se il fatto è commesso all'estero, in danno della valuta nazionale o di titoli pubblici italiani.

La condanna importa l'interdizione dai pubblici uffici».

Inoltre è regolato dall'art. 2637 del CODICE CIVILE CHE:

«Chiunque diffonde notizie false, ovvero pone in essere operazioni simulate o altri artifizi concretamente idonei a provocare una sensibile alterazione del prezzo di strumenti finanziari non quotati o per i quali non è stata presentata una richiesta di ammissione alle negoziazioni in un mercato regolamentato ovvero ad incidere in modo significativo sull'affidamento che il pubblico ripone nella stabilità patrimoniale di banche o di gruppi bancari, è punito con la reclusione da uno a cinque anni».

Con operazioni di aggiotaggio è possibile trarre grandi profitti illeciti, provocando conseguentemente danni economici agli altri operatori sul mercato. Oltre che dal punto di vista giuridico e penale, questo reato è considerato anche particolarmente deplorevole dal punto di vista morale, in quanto il danno economico maggiore ricade molto spesso sui piccoli risparmiatori.

ll reato di aggiotaggio si prescrive in 6 anni.

Rispettiamo le decisioni della Magistratura che ha assolto le quattro banche straniere. La battaglia, però, non è finita. Intanto, è stata fissata per il 2 maggio prossimo la discussione e la sentenza in Cassazione nei confronti di Calisto Tanzi, l’ex patron di Collecchio condannato in primo e secondo grado a 10 anni per aggiotaggio. Se la Suprema Corte dovesse confermare il verdetto, ironia della sorte, l'ex proprietario della Parmalat verrebbe condannato in via definitiva poco prima dello scadere termini di prescrizione. Questo non è poco!

 


Hits: 1686
Trackback(0)
Commenti (0)add comment

Scrivi commento
più piccolo | più grande

security image
Scrivi i caratteri mostrati


busy
Last Updated ( Martedì 19 Aprile 2011 18:51 )  

Il ritorno del Principe

web

Prove di ballo Standard classe "A2" Fernando & Vittoria

Guarda i miei video su Vimeo



I put videos I create on Vimeo. You can see my profile.

Statistiche

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi6
mod_vvisit_counterIeri747
mod_vvisit_counterQuesta settimana1550
mod_vvisit_counterQuesto mese13443
mod_vvisit_counterTotale2397090

Online: 11
IP: 3.92.92.168

Usiamo Cookie propri e di terze parti per garantire una corretta navigazione del sito web. Se continui a navigare accetti il loro utilizzo. Per maggiori informazioni: privacy policy.

Accetto i cookie di questo sito.

EU Cookie Directive Module Information