23 settembre 2019
Testo
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Le dichiarazioni del cardinale Cristoph Schoenborn

E-mail Print PDF

Pedofilia, il cardinale di Vienna:"Sodano coprì le inchieste"

http://www.rainews24.rai.it/it/news.php?newsid=140730

Citta' del Vaticano, 08-05-2010

L'arcivescovo di Vienna, il cardinale Christoph Schoenborn, ha accusato, facendo nome e cognome, l'ex segretario di Stato vaticano Angelo Sodano, di aver offeso le vittime degli abusi

 

sessuali, definendo la vicenda "un chiacchericcio" e lo ha rimproverato di aver insabbiato a suo tempo l'inchiesta sugli atti di pedofilia compiuti dall'allora capo della diocesi viennese, Hans Hermann Groer. Il Papa dimissiona vescovo tedesco Mixa.

E' un regolamento dei conti senza precedenti, dentro la Chiesa cattolica, sulla vicenda dei preti pedofili e sulle coperture di cui hanno goduto nel recente passato. Il cardinale di Vienna, Christoph Schoenborn, allievo e amico di Ratzinger, ha accusato con nome e cognome l'ex segretario di Stato vaticano, Angelo Sodano, di aver offeso le vittime degli abusi in un discorso in cui riduceva lo scandalo ad un "chiacchericcio" e lo ha rimproverato apertamente di essersi opposto, 15 anni fa, ad un'inchiesta vaticana sui misfatti di pedofilia compiuti dall'allora titolare della diocesi di Vienna, il card. Hans Hermann Groer.

Il porporato rimase in carica nonostante accuse infamanti e venne 'dimissionato" fuori tempo massimo, quando ormai la Chiesa in Austria aveva perso molta della sua credibilita'.

Gia' nelle scorse settimane, Schoenborn aveva alluso al ruolo negativo di Sodano, facendo riferimento ad una sorta di "partito" diplomatico della Curia, che si era opposto alla proposta dell'allora prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede, Joseph Ratzinger, di creare una commissione d'indagine su Groer.

In un incontro informale con i giornalisti, lo scorso 28 aprile, l'attuale arcivescovo di Vienna ha deciso di compiere l'ultimo passo e di non usare piu' perifrasi: ha tra l'altro definito come "pesante offesa per le vittime" l'affermazione fatta il giorno di Pasqua dal cardinale Angelo Sodano, secondo cui le notizie sugli abusi sessuali su minori sarebbero state solo "un chiacchiericcio".
Le parole dell'arcivescovo di Vienna sono filtrate poco a poco, sino ad oggi, sui media austriaci e riprese dall'agenzia cattolica "Kathpress". Da Sodano nessuna replica.

L'ex segretario di Stato vaticano non ha risposto nemmeno sull'altra storia parallela che lo coinvolge: quella dei Legionari di Cristo.

Il settimanale statunitense 'National Catholic Reporter' ha documentato, in un'inchiesta minuziosa, le coperture ricevute in Curia dal fondatore dell'ordine, Marcial Maciel Degollado, colpevole di pedofilia, di una doppia vita con moglie e figli, e di oscuri traffici finanziari. La "Legione", travolta dai "delitti" (termine usato da Vaticano) del suo "padre carismatico" e' avviata ora, per decisione del Papa, al commissariamento.

Nella chiacchierata con i giornalisti, Schoenborn ha spiegato che la prima preoccupazione del clero e' stata a lungo quella di proteggere gli abusatori anziche' le vittime.

"Si diceva: la Chiesa deve essere capace di perdonare, ma quella era una maniera falsa di intendere la compassione" ha insistito.

Dall'epoca di Groer, la Chiesa austriaca ha cambiato atteggiamento ed ha nominato laici, e sopratutto donne, a investigare sugli abusi sessuali perpetrati dai preti. "Tuttavia - ha detto l'arcivescovo di Vienna - questa apertura di una parte della Chiesa non e' condivisa da tutti in Vaticano". Che ruolo avra' il Papa?

Improbabile che l'arcivescovo di Vienna, prima di lanciare accuse attraverso i media, non lo abbia informato. In ogni caso, Benedetto XVI ha confermato stamane la sua linea senza compromessi: ha accettato infatti, senza indugi, le dimissioni del vescovo tedesco di Augusta, Walter Mixa, accusato di violenze sui minori e (da ieri) anche di pedofilia.

Lui stesso lo aveva nominato in quel ruolo nel 2005. Il papa ha inoltre incoraggiato i presuli del Belgio, ricevuti in visita ad limina in Vaticano, a proseguire con coraggio sulla strada del rigore e della trasparenza verso chi ha peccato.

La Chiesa belga e' decisa a fare piena chiarezza al proprio interno, attraverso una commissione d'inchiesta affiancata da due magistrati civili. Gia' una testa e' caduta: quella del vescovo di Bruges, mons. Roger Joseph Vangheluwe, reo confesso di aver abusato sessualmente di un giovane, dimessosi all'inizio di aprile. "Nel nostro atteggiamento siamo sulla stessa lunghezza d'onda del Papa", ha spiegato il primate belga, mons. Andre'-Joseph Leonard. Frase per niente scontata: perche' non tutti lo sono o lo sono stati, come dimostra lo scontro Schoenborn-Sodano.

NOSTRO COMMENTO: Ma dico io!  Papa Ratzinger! Glielo avevamo detto che il cardinal Sodano con quella infelice affermazione di:  “chiacchiericcio” Le avrebbe creato grossi problemi. Così è stato! (Vedi Nostro articolo: CLICCA QUI 

Ma quando si decide a far pulizia nel clero: Mai! Se per avventura, lo Spirito Santo, dovesse ispirarLa rivolga lo sguardo anche verso Don Evaldo Biasini, un caro amico degli amici…..almeno da come si evince da questo video.  Amen!

 Fonte: RaiNews24

Hits: 1848
Trackback(0)
Commenti (0)add comment

Scrivi commento
più piccolo | più grande

security image
Scrivi i caratteri mostrati


busy
Last Updated ( Domenica 09 Maggio 2010 09:05 )  

Il ritorno del Principe

web

Prove di ballo Standard classe "A2" Fernando & Vittoria

Guarda i miei video su Vimeo



I put videos I create on Vimeo. You can see my profile.

Statistiche

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi674
mod_vvisit_counterIeri856
mod_vvisit_counterQuesta settimana1530
mod_vvisit_counterQuesto mese17703
mod_vvisit_counterTotale2356177

Online: 12
IP: 18.206.16.123

Usiamo Cookie propri e di terze parti per garantire una corretta navigazione del sito web. Se continui a navigare accetti il loro utilizzo. Per maggiori informazioni: privacy policy.

Accetto i cookie di questo sito.

EU Cookie Directive Module Information