Liberta di opinione

18 novembre 2019
Testo
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Il XII° Presidente: Sergio Mattarella

E-mail Print PDF

Mattarella Presidente della Repubblica, le pagelle delle elezioni: vince Renzi, male Alfano, Berlusconi grande sconfitto

Di Vittoria Patanè | 31 Gennaio 2015 - 16:57

Fonte e link: http://www.forexinfo.it/Mattarella-Presidente-della-25138?utm_source=Forexinfo+Forex+Trading+Online&;utm_campaign=2dad414873-forexinfo-daily-email&utm_medium=email&utm_term=0_4302bacf08-2dad414873-302716845

Le elezioni presidenziali si sono concluse. Sergio Mattarella è il nuovo Capo dello Stato. Chi ha vinto e chi ha perso? Renzi dominatore assoluto, Berlusconi grande sconfitto, ennesima figuraccia per Alfano. E la Lega Nord dov'era?

Sergio Mattarella è il dodicesimo presidente della Repubblica italiana. Con 664 a favore su 1008 voti il Parlamento ha dunque eletto il nuovo Capo dello Stato.

Se volessimo dare delle pagelle ai leader politici e ai singoli partiti, i giudizi sarebbero i seguenti:

 Matteo Renzi grande vincitore. E’ riuscito ad eleggere in poco tempo un Presidente della Repubblica che gode di un favore trasversale, ha dimostrato abilità politica nel ricompattare al momento giusto un partito spaccato da forti dissidi interni, mandando allo stesso tempo un chiaro messaggio a quei cittadini che stavano perdendo fiducia nel Partito Democratico (come dimostranoi sondaggi più recenti). Voto: 10

 Tiene duro il Movimento 5 Stelle che con i 127 voti a Ferdinando Imposimato (figura più che meritevole, lo sottolineiamo) dimostra unità e coerenza, nonostante le defezioni dell’ultima ora e le polemiche relative all’attacco nei confronti di Sergio Mattarella. Voto: 7

 il Presidente Emerito Giorgio Napolitano ha avuto un ruolo importante all’interno di queste elezioni. Fautore della candidatura di Mattarella, ha cercato di ricompattare le varie fazioni dopo la presa di posizione di Matteo Renzi. Sembra sia stato proprio lui a convincere Angelino Alfano a votare per il candidato del PD. La sua autorevolezza continua a sentirsi, nonostante le dimissioni. Voto: 7

 Ennesima figuraccia per il ministro dell’Interno Angelino Alfano che, ancora una volta, dimostra di non avere la lucidità politica di prendere delle scelte importanti al momento giusto. In un primo momento NCD avrebbe dovuto seguire la linea dura di Forza Italia e uscire dall’Aula, poi il partito sembrava propendere per la scheda bianca. Infine (pare dopo una strigliata, smentita, del Presidente del Consiglio) la decisione di votare per Sergio Mattarella. Le parole che il leader del partito ha utilizzato per spiegare il capovolgimento di fronte non hanno convinto né i cittadini, né i giornalisti, né tantomeno i suoi rappresentanti. Il risultato? Il capogruppo di Area popolare al Senato, Maurizio Sacconi, ha presentato le sue dimissioni da presidente. Stessa decisione per Barbara Saltamartini, che ha deciso lasciare il ruolo portavoce di Ncd. Un partito che nel corso di questi mesi ha perso voti su voti e che, dopo l’ennesima prova di mancanza di unità e profonda incoerenza, sembra destinato a non avere vita lunga. Voto: 4

 Cola a picco Forza italia. Se c’è uno sconfitto in queste elezioni, quello è Silvio Berlusconi. Lontano da Roma per motivi giudiziari, l’ex Cavaliere non si aspettava il «tradimento» di Matteo Renzi. Una volta arrivato, la rabbia non gli ha permesso di reagire per tempo e prendere le decisioni giuste. Non si sa ancora se il Patto del Nazareno sopravviverà o no a queste elezioni, ma prima c’è da chiedersi quale sarà il futuro di Forza Italia. Un partito che, alla vigilia delle elezioni, i sondaggi davano al 13%, percentuale che lo colloca al secondo posto nel centrodestra (Lega Nord 13,8%), sancendo un cambiamento di leadership che potrebbe essere storico. Le votazioni di questi giorni, dimostrano sempre di più una perdita di lucidità da parte di Silvio Berlusconi e una mancanza di iniziativa da parte dei suoi fedelissimi. Avrebbero dovuto votare tutti scheda bianca, ma numeri alla mano, oggi nel segreto dell’urna si sono palesati 30 - 40 franchi tiratori che hanno inferto un duro colpo a quello che rimane di un partito in discesa. Senza voler essere troppo catastrofici, Forza Italia avrà la possibilità di riprendersi nel prossimo futuro. La partita delle riforme è ancora aperta e i voti dei berlusconiani rimangono fondamentali. Sarà in quei momenti che si capirà quale sarà il futuro di FI e del suo leader. Voto: 3.

 Lega Nord praticamente inesistente nel corso di queste elezioni. La linea era chiara: votare Vittorio Feltri. Peccato che un partito che mira a conquistare la leadership del centrodestra, con un leader come Matteo Salvini che sta facendo di tutto per conquistare un ampio consenso popolare, avrebbe dovuto dimostrare in un’occasione come questa maggior carattere e maggior incisività. Giocando bene questa partita, avrebbero potuto dare un segnale di grande forza, invece i leghisti hanno preferito rimanere in panchina, perdendo una grande, grandissima occasione. Voto: N.C.

IL NOSTRO COMMENTO: Habemus Papam! Finalmente, con il messaggio dell’ultima ora di Renzi, hanno convinto NCD a votare per Mattarella. Ma tu guarda! NCD che fa parte del Governo si permette il lusso di dissentire.  Fossi io per Renzi li farei tornare dal Cavaliere! Datevi una regolata gente prima di votare per un partito come NCD.  Berlusconi ha votato scheda bianca perché si è sentito impallinato da Renzi. E forse non ha tanto torto! Mah, non si sa! Bisognerebbe appurare cosa contiene il cd “ Patto del Nazareno” Questo non lo sapremo mai! Comunque non cambierà nulla perché - come ho già scritto in altro articolo -  il Cavaliere continuerà a fare alleanze con Renzi fottendosene altamente se FI si spaccherà o no. L’importante è che le sue Aziende siano salve e che Lui possa avere sconti di pena. Il resto è tutta poesia. Oltretutto senza Berlusconi dove cazzo andranno Fitto e compagni……? Va bene! Ora il PD è contentissimo non tanto perché sia stato eletto Sergio Mattarella, persona di indubbie qualità morali e professionali - Noi gli formuliamo i migliori Auguri di Buon Lavoro – qualcuno lo ha però dovuto digerire col bicarbonato,  ma, soprattutto perché si illudono di essersi ricompattati agli occhi degli Italiani dopo la vergognosa carica dei 101 che ha impallinato Prodi (Forse lì non hanno fatto tanto male! Ci mancava pure Prodi in aggiunta alle altre disgrazie dell’Italia! )  Infatti non credono ai loro occhi! Non ci sono stati franchi tiratori! Ma tu guarda! Una cosa normale la vogliono fare apparire per un evento senza precedenti! Certo che il Pd gode di un’ottima reputazione! Italiani! Attenzione! Il lupo cambia il pelo ma non il vizio. Alla prima occasione vedrete che torneranno come prima. Anzi peggio! Vedrete! E perché? Perché il PD è così. E’ stato sempre così. E finirà così. Scommettiamo? Di nuovo Auguri Presidente Mattarella ne avrà bisogno per tenere a bada il PD di Renzi. Napolitano docet!

Hits: 1457
Trackback(0)
Commenti (0)add comment

Scrivi commento
più piccolo | più grande

security image
Scrivi i caratteri mostrati


busy
Last Updated ( Sabato 31 Gennaio 2015 18:15 )  

Il ritorno del Principe

web

Prove di ballo Standard classe "A2" Fernando & Vittoria

Guarda i miei video su Vimeo



I put videos I create on Vimeo. You can see my profile.

Statistiche

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi5
mod_vvisit_counterIeri747
mod_vvisit_counterQuesta settimana1549
mod_vvisit_counterQuesto mese13442
mod_vvisit_counterTotale2397089

Online: 10
IP: 3.92.92.168

Usiamo Cookie propri e di terze parti per garantire una corretta navigazione del sito web. Se continui a navigare accetti il loro utilizzo. Per maggiori informazioni: privacy policy.

Accetto i cookie di questo sito.

EU Cookie Directive Module Information